fbpx
skip to Main Content

La notte di Giovanni.

la notte di giovanniNella notte nera Giovanni,

giovane marinaio coraggioso, 

esce con la sua barca ed il suo equipaggio

per cercare il suo amico scomparso.

Un’onda l’ha inghiottito la mattina precedente

e dell’amico nessuno ha più’ tracce,

ma Giovanni e’ senza paura

e conosce il mare

meglio delle sue tasche.

Esce in mare aperto

armato solo delle sue speranze.

Quella e’ una notte di tempesta,

la pioggia fitta e forte fa vacillare la nave ed il suo equipaggio,

ma non le sue intenzioni.

Giovanni non vacilla, 

resta fermo

nella ricerca del suo amico amato.

Cerca Giovanni, coraggioso marinaio,

cerca ovunque e non ti fermare.

Sa nuotare il tuo caro amico 

sa affrontare il mare.

Tu sai che di lui c’è’ una speranza

da bambini nuotavate insieme

 in quello stesso mare che oggi te lo nasconde.

Cerca Giovanni, non ti stancare,

lui e’ li,

aspetta solo di farsi trovare.

E’ uscito di buona lena,

come ogni giorno

solo per pescare, 

ma qualcosa dev’essere andato storto 

perché al tramonto, 

la sua barca, non ha fatto ritorno.

Ma Giovanni conosce il mare e le sue insenature,

Giovanni sa, dove andarlo a cercare.

Forza Giovanni non ti fermare,

le donne dell’isola confidano nel tuo ritorno.

Hanno messo una bottiglia sul loro davanzale,

stanno aspettando il tuo resoconto.

Forza Giovanni, tutti attendono il tuo ritorno.

Cerca più’ in fondo, cerca ancora

il tuo amico e’ li, 

sta solo aspettando di farsi trovare, 

aggrappato ad un asse di legno

naufrago, del vostro mare.

La sua imbarcazione 

e’ affogata nel fondo del mare.

Un pescecane troppo forte

ha fatto un buco sulla nave.

Ha imbarcato acqua il tuo giovane amico

non si e reso conto di essersi spinto 

oltre i confini del mondo.

Cerca Giovanni,

il tuo amico ti sta aspettando.

Lo vedi? Lì in fondo!

E’ coperto dal buio della notte

ed e’ stanco, ma ha fede,

e ti sta aspettando.

Vira Giovanni, trova la direzione,

illumina il nero buio e troverai la soluzione.

Segui l’eco che nel silenzio ti accompagna

e trova l’uomo, che il tuo cuore ti comanda.

Eccolo Giovanni,

si vede solo un leggero puntino di occhi bianchi,

illuminati dalla luna,

eccone il riflesso, dentro la notte scura.

Avvicinati piano Giovanni,

potresti fargli male.

Raggiungilo a nuoto, non ti preoccupare,

e’ vivo 

e sa che stai arrivando.

Ti aspetta, 

per essere portato in salvo.

Eccolo Giovanni, e’ stanco, come te, 

che da ieri sei uscito in mare per cercarlo.

Lo abbracci e’ stremato

ora puoi portarlo in salvo.

E’ vivo, e Giovanni e’ riuscito a salvarlo.

Lo sanno le donne che vedono cristallizzarsi un veliero

dentro le loro bottiglie di vetro.

Hanno messo una bottiglia

sul davanzale delle loro finestre

dentro solo albume d’uovo.

L’aria umida e la notte lunga cristallizzano una magia eterna

un veliero apparirà’:

il veliero di Giovanni,

che salverà’ l’amico perso.

E’ la notte di Giovanni questa,

fatta di miracolo e di attesa.

E’ la notte di Giovanni,

che ha segnato

la sua più’ grande impresa.

Torna Giovanni,

torna sulla terra ferma,

la tua vita ti aspetta,

valoroso marinaio e amico fidato,

che ha portato in salvo

un giovane cristiano.

 

 

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
×Close search
Cerca