fbpx skip to Main Content

Mola e Lamo.

C’erano una volta due amici ma amici di quelli veri, quelli per la pelle, di nome Mola e Lamo.

Mola e Lamo erano sempre insieme e si raccontavano tutti i loro segreti, ma un giorno Mola parti’ per un paese lontano e disse a Lamo:

“Non piangere, io un giorno tornero’ e ti raccontero’ tutto quello che ho visto e tutto quello che ho fatto.”

Lamo era molto triste per la partenza del suo amico, ma sapeva che sarebbe tornato e questo le bastava per stare serena.

Un giorno di due anni dopo Mola torno’ e Lamo ne fu molto felice.

I due amici tornarono a passare tutti i loro giorni insieme, dal mattino alla sera e dalla sera al mattino e si divertivano molto, ridevano a crepapelle, scherzavano ed erano sempre di buon umore.

Pochissimo tempo dopo pero’ venne da Mola una persona che aveva conosciuto nei due anni che fu lontano.

Questa persona era una bella bambina di nome Ema, che aveva passato tutto il suo tempo con Mola quando era stato via e adesso era tornata da lui per riportarlo a casa, la sua nuova casa, lontano da Lamo.

Inizialmente Mola non voleva andare via, era felice qui nella sua citta’ natale con Lamo ed Ema insieme.

Non gli mancava niente, aveva tutto. Aveva la sua vecchia amica e la sua nuova amica e poi loro nel frattempo erano diventate molto amiche: a Lamo piaceva Ema e ad Ema piaceva Lamo. Adesso gli amici erano tre ed insieme ci si divertiva di piu’.

Ma piu’ i giorni passavano e piu’ Ema diventava triste, sempre piu’ triste e sia Mola che Lamo non capivano e non riuscivano piu’ a tirarle su’ l’umore con la loro compagnia, finche’ un giorno capirono: Ema si era ammalata! Era ammalata di nostalgia.

Ad Ema mancava la sua casa, i suoi prati, i suoi infiniti boschi e tutti gli amici che aveva lasciato nel suo posto del cuore, cosi’ un giorno si decise e riparti’ per quel luogo lontano, ma una volta li’ si accorse che tutto era cambiato: certo i prati erano sempre i prati, i boschi erano sempre infiniti boschi, gli amici della sua infanzia erano ancora tutti li’, ma qualcosa nel cuore di Ema era cambiato.

Era come se le mancasse sempre qualcosa.

Allo stesso modo anche qui da Mola e Lamo la vita sembrava sempre la stessa: Mola continuava sempre a vedersi con Lamo, ma di giorno in giorno Mola diventava sempre piu’ triste e Lamo non capiva e non riusciva piu’ a farlo ridere.

Il vero problema e’ che a Mola mancava Ema e ad Ema mancava Mola.

Lamo in cuor suo sapeva che per essere felici quei due dovevano stare insieme, cosi’ strinse forte il suo amico in un abbraccio e lo saluto’ un’altra volta.

Questa volta sapeva che Mola non sarebbe piu’ tornato, almeno non subito e non se insieme ad Ema, ma sapeva che questa sarebbe stata l’unica strada per curare la nostalgia dei suoi due sueper amici.

Dal canto suo Lamo sapeva anche che sarebbe per sempre stata amica di quel matto di Mola, ovunque lui decidesse di andare, e questo le bastava per essere felice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
×Close search
Cerca